L’ignoranza è figa: il Parto delle Nuvole Pesanti stigmatizza il male del Secolo con il suo stile giocoso e provocatorio

05/03/2024 216 0 0

Il Parto delle Nuvole Pesanti inaugura il 2024 con il giocoso videoclip L’ignoranza è figa, uno dei pezzi più provocatori del loro album Sottomondi. Il video, a prima vista, richiama immediatamente elementi legati all’infanzia come il gioco e la scuola, ma lo fa in modo ironico, utilizzando personaggi dell’immaginario collettivo letterario e disneyano come Pinocchio e Mary Poppins. Il fine sta nel trasmettere l’importanza dello studio e della ricerca di conoscenze. Il video stesso gioca su questi due personaggi attraverso la versione comica della tata più famosa del mondo grazie alle doti liriche di Francesca Rini e con la presenza costante dell’asino che omaggia Pinocchio, il classico racconto di Collodi in cui una marionetta capisce l’importanza del giudizio e dello studio trasformandosi in un bambino vero. La trasformazione in asino rappresenta la conseguenza negativa dell’ignoranza, un elemento che viene costantemente ripreso durante tutto il videoclip.

Con una grande dose di ironia, il brano presenta un mondo fittizio, un paesino immaginario chiamato Sdràgana, in cui vivono una varietà di marionette, persone e animali. Il videoclip crea così un (sotto)mondo in cui i confini tra realtà e fantasia si confondono. Qui, i libri sono considerati un peso e vengono rifiutati dagli abitanti, che preferiscono abbracciare una conoscenza superficiale e spesso fuorviante fornita da Internet e social.

Gli abitanti di Sdràgana sono inebriati dalla facile conoscenza ottenuta senza sforzi o ricerche, ballando e festeggiando la loro superficiale comprensione del mondo. Il coro degli ignoranti intona un mantra sarcastico che ricorda le filastrocche dell’infanzia, evidenziando l’atteggiamento spavaldo di coloro che si credono sapienti senza aver realmente compreso le informazioni.

Il Parto delle Nuvole Pesanti affronta così il tema dell’ignoranza, sottolineando il suo impatto negativo sulla società. Attraverso una miscela di ironia e immagini surreali, il videoclip invita pertanto a riflettere sul paradosso di una cultura sovraccarica di informazioni ma carente di vera conoscenza. Un elemento ormai quotidiano nella nostra società attuale colma di fake news e ignoranza dove si accettano sempre di più conoscenze semplici e marginali senza mai veramente entrare nel profondo per amore della conoscenza.

Insomma, è come se Il Parto delle Nuvole Pesanti invitasse il pubblico a riconsiderare criticamente le fonti di conoscenza, che normalmente riteniamo verità assolute,  perseguendo invece la vera comprensione senza accontentarsi di una conoscenza superficiale e spesso fuorviante. L’ignoranza è figa si rivela quindi non solo come un videoclip divertente e provocatorio ma anche come un’opera che stimola alla riflessione e all’azione, invitandoci ad esplorare le profondità della conoscenza per il bene di noi stessi e della società.

Francesco Ferri

Tags: album, arte, cultura, culturamusicale, musica, recensione, singolo, videoclip Categories: GingerNews, Musica
share TWEET PIN IT SHARE share share
Related Posts
Leave a reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *