ParmaJazz Frontiere Festival: prime tracce dell’edizione 2022

26/05/2022 125 0 0

Si stanno tracciando le prime linee portanti dell’edizione 2022 del ParmaJazz Frontiere Festival che, come sempre sotto la direzione artistica di Roberto Bonati, giunge così al suo ventisettesimo compleanno e che avrà l’impegnativo titolo di Movimenti, declinazioni all’Occidente. Si parte il 17 settembre con un concerto di Dominique Pifarely & Francois Couturier per terminare il 6 novembre con gli NRG Bridges, il trio nato dall’incontro fra Gianluigi Trovesi e i Novotono, il duo dei fratelli Adalberto e Andrea Ferrari. In mezzo tornano alcuni caposaldi che da anni strutturano questo Festival, mirabilmente giocato sull’incontro fra ospitalità, produzione e didattica: torna quindi l’appuntamento con Una Stanza per Caterina, l’appuntamento con la dimensione femminile della musica pensato per ricordare Caterina Dallara, imprenditrice e amica storica del Festival. Imprescindibile il ritorno di Cartoons!, il concerto per i più piccini di tutte le età che va a rileggere in chiave jazz il vasto repertorio della musica per film d’animazione. Due i fondamentali momenti dedicati alla formazione: a partire dal tradizionale workshop con i giovanissimi allievi del Liceo Bertolucci, quest’anno tenuto da Giacomo Marzi; per finire con il prestigiosissimo European Jazz Workshop: gli allievi di cinque accademie jazz di respiro internazionale si ritrovano a Parma per un momento di approfondimento musicale con il Maestro Bonati. Le accademie sono quelle di: Academy of Music di Oslo, Conservatorio Boito Parma, Hochschule für Musik – Nürnberg, Faculty of Performing Arts – Stavanger University, The Royal Conservatoire of Scotland. Al termine un grande concerto che, emblematicamente, il Maestro Bonati ha voluto intitolare Time of War, Time for Peace.

Tags: Festivalmusicale, ParmaJazz, RobertoBonati Categories: Festival, Musica
share TWEET PIN IT SHARE share share
Related Posts
Leave a reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.