Rainbow Free Day

23/12/2020 239 0 0

Un ricco programma di incontri per valorizzare le produzioni culturali indipendenti

Tantissimi i nomi tra i partecipanti, adesioni aperte fino al 30 dicembre

Sta crescendo giorno dopo giorno il palinsesto delle iniziative del Rainbow Free Day. Molte, moltissime le adesioni (che sono comunque aperte fino al 30 dicembre), prima di tutte quella della Siae e di un nome di eccellenza come quello di Sophie Auster, figlia del celeberrimo Paul.

Centrale l’adesione di Discoteca Laziale, da sempre vicino al mondo dei negozi di dischi indipendenti, che aderisce con il suo store fisico e online coinvolgendo tutti i negozi di dischi indipendenti d’Italia, con iniziative e promozioni che verranno mano a mano svelate a partire da gennaio.

Aderisce anche Barley Arts che, a partire dal 15 gennaio e in occasione delle due settimane del Rainbow Free Day, metterà in vendita sul circuito Ticketmaster i biglietti per i suoi migliori concerti  ad un prezzo speciale, fino ad esaurimento posti disponibili per l’iniziativa. Fra gli appuntamenti: Fantastic Negrito (22 marzo), Paul Weller (9 e 10 maggio), Deathstars (12 maggio), Pentatonix (29 maggio), Lime Cordiale (7 giugno), Milky Chance (1° luglio), Fat Freddy Drop (12 e 13 luglio), The Sister of Mercy (6 ottobre), The Black Crowes present Shakee your money maker (6 novembre), Queen Extravaganza (22 marzo 2022).

A fianco alla scontistica condivisa da tutti gli aderenti a questa quindici giorni (dal 15 al 30 gennaio 2021) dedicata al vasto mondo della produzione artistica indipendente, la pagina Facebook diventerà una grande piattaforma su cui convogliare approfondimenti, speciali, incontri, live.

Si apre il 15 gennaio alle 10.00 con un video di lancio del progetto speciale di Figurine Forever con le due figurine dedicate a Freak Antoni e Dandy Bestia padrini inaugurali dell’iniziativa.

Tutti i giorni alle 11.00 avremo the best of Slow Club: rotocalco libero e indipendente realizzato da Slow Music, un progetto a cura di Stefano Bonagura, Corrado Gambi, Massimo Poggini e Claudio Trotta, con la collaborazione di Michaela Berlini e la partecipazione di numerosi ospiti, musicisti, ballerini, scrittori, giornalisti, attori, registi, autori televisivi.

Alle 12.00 sarà il momento dedicato ai negozi di dischi e di strumenti musicali: un confronto diretto con i protagonisti di un settore che sta combattendo una vivacissima battaglia sul campo.

Alle 15.00 in programma lo spazio dedicato ai festival e alle etichette discografiche: il 15 gennaio in programma la presentazione del nuovo video di Doro Gjat feat,. Gotan Project; il 16 gennaio quattro chiacchere con Andrea Ceccomori di Assisi Suono Sacro; il 17 spazio a Voci per la Libertà e alla presentazione di una compilation a firma Michele Lionello; il 18 gennaio due parole con Giorgio Pezzana del Biella Festival; il 19 spazio alle cantautrici con Musica di Seta; il 20 gennaio Mary Star Spettacoli presenterà la compilation di Amalia, vincitrice Premio della Critica Voci D’Oro 2020; il 21 gennaio spazio al vasto mondo della realtà virtuale con il VRE Fest. Mentre il 22 e il 23 gennaio in programma incontro rispettivamente con Calabria Sona e con Varigotti Festival. Domenica 24 gennaio appuntamento con Dischi Soviet Studio. Il 22 sarà la volta della label TheWebEngine. Il 23 focus sul mondo della world e della folk a cura di ITFOLK. Fra gli ospiti: Saul Beretta (Musicamorfosi), Davide Mastropaolo (AGUALOCA records), I Lautari con la presentazione in anteprima del loro videoclip; e Mario Gulisano dell’Alkantara festival. Gli ultimi giorni di programmazione prevedono: il 27 gennaio un incontro con la Robin Hood Records, il 28 Imarts con Mario Incudine e il 29 con Disincanto.

Alle 16.00 in programma il Cinema: in apertura il meglio di Soundtrack City, il format web ideato da Marco Testoni e condotto con Massimo Privitera e dedicato alla musica per immagine. A seguire incontri e le chiacchere con i protagonisti di questo mondo: produttori, registi e distributori.

Alle 18.00 è il momento di Due chiacchere con. Il 15 gennaio ospiti Mara Maionchi e Alberto Salerno; il 16 con Edoardo De Angelis su Come si scrive una canzone; ospite del 17 sarà Renato Marengo con L’immagine del suono, un incontro dedicato alle Colonne Sonore con ospiti Claudio Simonetti dei Goblin, Vince Tempera, Rizia Ortolani e Massimo Nunzi. Il 18 gennaio incontro con il produttore Roberto Costa, mentre il 19 Claudia Barcellona condurrà un approdinfomento dedicato Claudia Barcellona ai Diritti e ai Sostegni di Imprese e Artisti e Musicisti nel mondo dello spettacolo oggi. Il 20 sarà la volta di Claudio Formisano che ci introdurrà al vasto mondo degli strumenti musicali; il 21 Claudia Fofi parlerà di Songwriting istintivo e Deborah Bontempi di Canto. Il 22 Massimo Della Pelle di AudioCoop incontra Matteo Marenduzzo e Andrea Liuzza per parlare del lavoro di un’etichetta discografica indipendente oggi; il 23 gennaio Roberto Grossi della Rete dei Festival incontra Walter Giacovelli di Musplan, Michele Lionello e Stefano Starace per parlare di festival e contest per emergenti. Il 24 Enrico Schleifer di RadUni ci parlerà del ruolo delle web radio oggi e della musica sul web. Appuntamento il 25 gennaio, quindi, con Jonathan Giustini su ufficio stampa e programmi radio. Il 26 gennaio Giuseppe Marasco (itfolk) ci parlerà della scena world e folk in Italia. Fra gli interventi: Andrea Del Favero (Direttore artistico di Folkest), Fabio Scopino (manager di Italian world beat), Giuseppe De Trizio (Radicanto – direttore artistico, Coordinamento Slc CGIL Puglia) – Eric Van Monckhoven (world music lab). Si parlerà di Come restare in regola in questa fase e i sostegni per i lavoratori dello spettacolo il 27 gennaio con Giuliano Biasin (Esibirsi soc. Coop.). E di Come utilizzare e monetizzare social e streaming il 28 con Fabrizio Galassi. Il 29 gennaio in programma un incontro su Ufficio stampa e Comunicazione Social con Lorenza Somogyi Bianchi e Simona De Melas. Infine il 30 gennaio Bruno Casini parlerà delle origini della musica indipendente.

Alle 21.00 tutti i giorni spazio per i Live Rainbow, tutti ovviamente in streaming: si apre il 15 gennaio con i Canta commenti di Roberta Carreri e Francesco Baccini. Il 16 gennaio sarà la volta di Roberta Giallo e Alberto Fortis. Mentre il 17 gennaio spazio al Napule’s Power: Renato Marengo racconterà le tappe di un movimento musicale – da lui fondato esattamente 50 anni fa – con Tony Esposito, Lino Vairetti (Osanna), Maurizio Capone e Lello Savonardo (Università Federico II e Osservatorio Giovani). Il 18 gennaio sarà la volta dei Jalisse, mentre il 19 gennaio di Fabio Abate e degli Artisti di Musica Lavica Records: Luca Di Stefano, Lina Gervasi, Andreazzurra, Domenico Quaceci, Manutsa, Luigi Iarocci, Dinastia. Il 20 grande giornata dedicata alle Bande Musicali e il 21 ai Ridillo. Mentre il 22 saliranno sul palco virtuale dei Live Rainbow Argento e Jo Jo Mundi. Spazio a Marcondiro e a Voci per la Libertà il 23. La serata del 24 sarà dedicata al live di Folco Orselli con il suo progetto di House Concerts e del 25 a Roberto Kunstler. Il 26 gennaio in programma La notte della World e Folk Music con la presentazione della compilation ITFOLK sul folk italiano. Hanno già aderito: Calabria ORchestra, Antonio Nicola Bruno, Francesco Loccisano, I lautari, Parafonè, Ciccio Nucera, Sossio Banda e tanti altri. E ancora: Porfirio Rubirosa il 27 gennaio, Peppe Voltarelli il 28 con i Cantacommenti di Roberta Carrieri, YMF – You are my friend il 29 e a Fabrizio Tavernelli il 30 gennaio.

Alle 23.00 ogni sera un momento dedicato allo Spazio Letteratura a cura di Claudia Barcellona e di Piero Cademartori. In programma il 15 gennaio 40 anni di rock a Firenze con Bruno Casini, Ghigo Renzulli, Antonio Aiazzi; il 16 gennaio Delirium: il lungo viaggio del prog con Mauro La Luce ed Ettore Vigo; il 17 gennaio Logosfere, poeti tra due mondi con Laura Pugno, Florinda Fusco, Marco Giovenale; il 18 gennaio Genova Voci: pillole poetiche di Luca Valerio, Alberto Nocerino, Alessandro Malaspina Pola, Karoline Borelli, Carlo Michele Marenco, Claudio Pozzani, Antonella Fiori, Guido Caserza, Barbara Garassino, Massimo Morasso, Giovanna Olivari; il 19 gennaio Mondo vinile con Marco Tesei e Nicola Iuppariello; il 20 gennaio L’inventario poetico di Elio Pagliarani con Cetta Petrollo e Andrea Cortellessa; il 21 gennaio Paul McCartney oltre i Beatles con Roberto Paravagna, Rolando Giambelli; il 22 gennaio Il teatro di Giancarlo Sepe con Giancarlo Sepe, Silvana Matarazzo; il 23 gennaio si parlerà di Bruce Springsteen, abbagliati dalla luce con Luca Giudici. Mentre il 24 gennaio focus su Museo dell’Uomo, un reading di Plinio Perilli. Il 25 gennaio sarà la volta del Teatro canzone con Eugenio Ripepi, Giampiero Alloisio. Il 26 gennaio Naxos Legge con Fulvia Toscano. Il 27 Le ciociare di Capizzi con Marinella Fiume. Il 28 gennaio un focus su Carthago Edizioni.

Alle 23.30 spazio, infine, all’Arte dal titolo L’ultimo nastro di Krapp a cura di Jonathan Giustini con un ciclo sugli illustratori presso Art In Cinque Monti, Galleria d’arte nel cuore del Rione Monti a Roma. Il programma degli incontri, vere e proprie chiaccherate fra immagini e parole, prevede focus su: il 15 Bambi Kramer, il 16 ReBarbus, il 17 Alessandro Arrigo, il 18 Antonio Pronostico. E ancora: il 19 Fabio Pini, il 20 Saleh Kazemi, il 21 Antonino Iuorio; il 22 focus su Il femminile nell’arte con Loredana Trestin e Daniele Grosso Ferrando. Il 23 si parlerà, invece, di Arte e etica ambientale con Fortunato D’Amico e Valentina Maggiolo. Il 24, 25 e 26 saranno dedicati a parlare di Rigenerazione territoriale tramite l’arte, il 24 con Adriana Tomasello e Salvatore Borzì, il 25 con Nino Triolo e Valentina Signorello, il 26 con Andrea Curto e Carlo Panebianco. Focus il 27 gennaio su Salvatore Papa, il 28 su Vittorio Spampinato e il 29 su FraBiu.

Vale la pena ricordare che saranno tre i singoli in uscita per l’occasione a firma Dischi Soviet Studio: il 15 gennaio uscirà, infatti, Mare di Francesco Cerchiaro, il 22 Il Risveglio de Nel ventre dell’Orsa, il 29 Je sus di Lacosa.

Categories: cultura, Festival, GingerNews
share TWEET PIN IT SHARE share share
Leave a reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *