Esce Driving home for Christmas di Tiziana Bacchetta

Il Bianco Natale di Tiziana Bacchetta

18/12/2020 289 0 0

Nostalgia, ma nostalgia con il sorriso sulle labbra. E poi le immagini più classiche del Natale con il suo biancore e le sue atmosfere. Sono questi i colori di Driving home for Christmas, l’omaggio in sette tracce di Tiziana Bacchetta alla festa più festa che c’è. Un disco con una scelta di brani raffinata, fra titoli ricercatissimi e altri più noti, del meglio della musica black dedicata a questa festa, in una colta e delicata chiave jazz. Bellissimi gli arrangiamenti, molto curati. Soprattutto collettivi.

La Line up

A fianco di Tiziana Bacchetta alla voce, ci sono musicisti di tutto rispetto: Raffaele Cervasio (chitarra), Arturo Valiante (piano, rhodes), Carlo Bordini (batteria), Giacomo Tantillo (tromba e flicorno), Guerino Rondolone (basso). Tutti, così recita il comunicato stampa e si sente anche, hanno messo qualcosa di proprio in una rilettura jazz di quei canti densi di calore di una tradizione, quella della black music, che ha dentro le ferite di un popolo che il Natale se l’è conquistato e che regala alla candida festa, proprio in questa rilettura, un sapore più vero ed autentico. Ed è l’autenticità, che nella voce e nell’interpretazione di Tiziana Bacchetta ha la sua radice più vera, la cifra di questo disco sincero e fresco, profondo e pieno di ricordi: quelli di ciascuno di noi. Perché, è la magia del soul, questa è la caratteristica di questa musica che pesca nella memoria anche se e quando quel singolo brano per te è una novità.

La tracklist

La tracklist infatti prevede grandi classici, molti brani meno noti e di straordinaria musicalità e raffinatezza: da Driving home for Christmas di Chris Rea, che da il nome all’album, a The Christmas song di Mel Tomé o a Christmas tears, il brano  di R. C. Wilson e S. Thompson portato al successo dal grande Freddy King. E ancora: This Christmas di Donny Hathaway o Every year, every Christmas di Luther Vandross sulla musica di Richard N. Marx. L’album si chiude con due irrinunciabili evergreen: Have yourself a merry little Christmas (Hugh Martin, Ralph Blane) o White Christmas (Irving Berlin) che chiude l’album. 

Buon Natale a tutti!!!

Margot Frank

Categories: Ascolti, Jazz, Musica
share TWEET PIN IT SHARE share share
Leave a reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *