Concerti, interviste e tanta energia: ed è FIM 2018

04/06/2018 27 0 0

Sono stati quattro giorni di festa e allegria quelli della Fiera Internazionale della Musica che si è svolta dal 31 maggio al 3 giugno in Piazza Città di Lombardia a Milano. Tra workshop e stand di ogni genere, si sono mescolati spettacoli di artisti veramente multiformi che hanno regalato alla città di Milano, giovani e famiglie, un weekend dai molti colori musicali.

I tre palchi principali della Fiera hanno fatto da cornice all’evento: Casa FIM, con interviste ad artisti ed ospiti, FIM Social, con le esibizioni live ed in streaming ed i seminari a tema, ed il FIM Theater, lo spazio per i concerti più energici.

Veramente tanti, tanti artisti di varia notorietà, tutti generalmente di grande qualità. Ne abbiamo voluti segnalare alcuni, quelli che ci hanno impressionato di più. Senza nulla togliere a tutti gli altri, ovviamente. Sul FIM Theater la talentuosa solista Virginia Menegazzi ha affascinato il pubblico con il suo piano, prima di dare spazio al rock gotico degli Elysium, a quello deciso e passionale dei Desert Wizard, al progressivo dei Plurima Mundi e agli stravaganti APNB. Sul palco social, si sono avvicendati gli artisti promossi da l’AltopArlAnte: ZuiN, le dolci voci di Giulia Pratelli, Rita Zingariello e Gloria Zaccaria ed infine l’energia della rock band dei The Lizards’ Invasion con il loro sound coinvolgente, divertente e uno stile decisamente trasversale e crossover che supera il concetto di rock puro.

Tra gli special guests presenti abbiamo potuto incrociare Omar Pedrini, Mirkoeilcane, Fabrizio Poggi e Maria Fausta.

E poi, a spasso fra i chioschi, incontri con artigiani della musica, laboratori e scuole, radio e tv locali. Un’occasione, per uno come me che si affaccia professionalmente in questo mondo, per interagire, per scambiare chiacchiere e per farsi un’idea su come promuovere questo tipo di eventi nell’era 3.0. Con il desiderio di regalare nuova visibilità ad un segmento della musica e della cultura che stenta a farsi sentire, ma che ancora ha tanto da regalarci.

Tra un concerto e l’altro sono stati consegnati i premi dei contest indetti dall’organizzazione della Fiera. Il Premio Autori Emergenti è andato al piemontese Massimo Bertinieri, in arte STONA, con il suo brano Troppo Pigro; il VideoClip Italia Contest se l’è aggiudicato Kreuzberg degli Stanley Rubik, mentre si dividono il Rock Contest DIANIME, Opra Mediterranea e Keplero.
Non posso non fare un cenno ad altri artisti che mi hanno colpito: come la Fabi’s Blues Band con il loro blues elettrizzante, Mike Messina e la sua voce di influenza battiatana, le corde decide dei Prowlers, le magiche note della Piseri Ensemble ed il sound progressivo e metal degli Hamnesia.

Non ci manca, come redazione ma anche personalmente cone Francesco, di ringraziare il Fim, la loro bella organizzazione. Ci auguriamo di rincontrarci l’anno prossimo e l’anno prossimo ancora. Per incontrare ancora nuovi artisti di talento e sognare un’educazione alla cultura e alla musica calate nella nostra quotidianità.

by Francesco Ferri

Tags: fim, francesco ferri, indie, musica Categories: Ascolti, Musica
share TWEET PIN IT SHARE share share
Related Posts